studio mp Archives - Open Day Donna

Lara Bertoncello: “Sogno un mondo delle Professioni meno individualista e più social”

Come ti chiami?
Lara Bertoncello

foto profilo

Quando ti chiedono “di cosa ti occupi” cosa rispondi?
Rispondo che mi occupo di diritto del lavoro, di gestione e valorizzazione delle Risorse Umane, perché se mi qualifico come “Consulente del Lavoro” nessuno ne comprende il “vero” significato.

Logo_Rosso

Qual è il nome della tua Attività?
Ho una ditta individuale che porta il mio nome, collaboro con altri professionisti nello “Studio MP” con sede a Bassano del Grappa e co-gestisco il Master in “Global Economics and Social Affairs” (GESAM) all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Come si svolge la tua attività?
Collaboro, con un team di esperti, nel prestare servizi di consulenza in materia di lavoro a piccole, medie e/o grandi imprese in diversi ambiti che vanno dalla gestione degli aspetti contrattuali ed economici del rapporto di lavoro, all’affiancamento in fase di avvio di nuove attività, alla “cura” delle aziende in stato di crisi, all’assistenza in sede di contenzioso ecc.

Come hai iniziato?
Ho iniziato conseguendo una laurea in ambito economico-giuridico ed intraprendendo il praticantato professionale nell’area Lavoro di un Studio di Professionisti associati di Vicenza. Sono arrivata in un momento in cui non c’era bisogno di me e credo che questa sia stata la mia fortuna perché mi ha permesso di tracciare il mio percorso professionale nella direzione della Consulenza del Lavoro, al di là della mera esigenza di elaborazione paghe.

Come stai utilizzando le nuove tecnologie per promuoverti?

Un “profilo professionale” credibile è il biglietto da visita di ogni professionista e le nuove tecnologie permettono di essere sempre formati ed aggiornati e di promuovere così se stessi e i propri servizi alle aziende, garantendo tempestività nelle risposte ed accuratezza nelle analisi.

Blog, Facebook, Linkedin, Youtube, Google Adwords, Mailing Marketing ed E-commerce fanno parte degli strumenti che usi per promuovere e far crescere la tua attività?
In ambito professionale, i social mi permettono di creare la “rubrica”, quella che una volta era accanto al telefono fisso di casa, di rendermi visibile mettendo in “vetrina” i miei servizi e le mie competenze professionali, di intercettare tempestivamente le informazioni utili e le occasioni interessanti come l’Open Day Donna.

Hai già avuto esperienze di Export?

Ho avuto occasione di collaborare con aziende multi-localizzate. Mi piace pensare alla consulenza come un’esperienza quotidiana di esportazione – trasferimento – di idee.

Credi che esportare all’estero sia un’opportunità per la tua azienda?
Lo “consiglio” alle aziende clienti, perché credo che sia un’opportunità per tutti gli imprenditori (anche per me). Nell’offrire il mio servizio professionale cerco sempre di spronare le aziende a guardare oltre confine, creo le condizioni (e le motivazioni) affinché possano internazionalizzare, favorendo la mobilità del lavoro.

Se ti dico Europa a cosa pensi?
Penso alla libera circolazione delle persone, delle merci e dei capitali, alla Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE e alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Penso alla globalizzazione.

Credi l’Europa possa essere un’opportunità per la tua attività?
Certamente il mercato europeo rappresenta un’opportunità di sviluppo per le aziende italiane e, quindi, indirettamente anche per la mia attività.

Fare rete e mettersi in rete per te è importante?
Credo fermamente nel potere della rete e sogno un mondo delle Professioni meno individualista e più social.

staff_GESAM lara bertoncello

Quali credi siano i migliori metodi per collaborare e fare rete fra donne?
Il “faccia a faccia” è il primo e miglior metodo a mio parere per instaurare una sintonia. Poi tutto diventa più facile ed ogni strumento (web, eventi, anche un semplice aperitivo…) può diventa occasione di scambio e collaborazione.

Raccontaci brevemente di quando sei riuscita a creare una collaborazione vincente

Ogni confronto tra colleghi che permette di rispondere ad una esigenza aziendale è per me una collaborazione vincente.

Cosa pensi di aver bisogno per far crescere la tua azienda?
Di occasioni, di collaborazioni e di idee sempre nuove.

Qual’é stata una delle più grandi difficoltà che hai affrontato?
Tutti i giorni mi scontro con la paura delle aziende al cambiamento e con una concezione del lavoro legata più al “costo” che alle “opportunità”.

Come hai superato le difficoltà?

Con perseveranza, indirizzando lo sguardo delle aziende verso le agevolazioni alle assunzioni, gli incentivi alla crescita e le opportunità legate alla formazione della propria forza lavoro.

Qual è il tuo sogno per il futuro?
Sogno una nuova generazione di professionisti aperti e collaborativi, sogno maggiore sinergia tra il mondo della scuola e dell’impresa e sogno nuovi strumenti in grado di arginare l’instabilità del mercato del lavoro e favorire la crescita e l’innovazione.

Cosa ti piace dell’iniziativa ”Open Day Donna“?
Mi piace il suo essere “open”, accessibile a tutte, gratuita e trasversale nell’offerta di informazione e formazione.

Credi che si debba continuare a proporre questo tipo di iniziative? Se sì, perché?

Assolutamente, affinché le buone idee possano incontrare le informazioni e le consulenze utili per diventare “impresa”.

Come ci aiuterai concretamente a promuovere questa iniziativa?

Invitando le amiche ad una gita “donne” padovana.

Perché credi sia bello mettere in rete la tua esperienza?

Perché da cosa nasce cosa…

Fai un invito diretto a tutte le donne che ci stanno leggendo, perchè partecipare all’Open Day Donna?

Perché non partecipare?!? Carpe diem Donne!

Se non ti sei ancora iscritta, iscriviti!