Elisa: "Il nostro lavoro, grazie al web, non ha confini."

Elisa: “Il nostro lavoro, grazie al web, non ha confini.”

Come ti chiami?
Sono Elisa Di Rienzo, sono un architetto, una moglie e una mamma di una bimba di 4 anni.

Elisa Di Rienzo

Quando ti chiedono “di cosa ti occupi” cosa rispondi?

Che mi occupo di Home Relooking e Home Stager, ma essendo attività nuove in Italia, è sempre necessario che poi proceda con una spiegazione.
In poche parole “rifaccio il look” agli ambienti di casa che il cliente ha voglia di rimodernare, ma con un’attenzione particolare alla personalità e stile di chi ci abita, utilizzando principalmente l’arredo esistente valorizzandone i pregi e nascondendone i difetti, e con un particolare occhio ai costi che sono, comunque, sempre dichiarati fin dall’inizio.
L’Home Staging, invece, è una tecnica per facilitare la vendita o l’affitto di un immobile e offro la consulenza per rendere l’immobile più facile da vendere o da affittare, attraverso una serie di interventi mirati e a basso costo per presentarlo al meglio, oltre al reportage fotografico per le inserzioni.
Il costo della consulenza e dell’intervento di staging è decisamente inferiore alla perdita del valore a cui è, inevitabilmente, soggetto un immobile che rimane sul mercato per tempi lunghi.

Qual è il nome della tua Attività?

Fate Home Relookers. Le Fate sono tre, io con Sara Anni e Chiara Panozzo, e con la nostra bacchetta magica cerchiamo di esaudire i desideri di tutti coloro che vogliono avere la casa dei proprio sogni, anche con budget piccoli.

FATE HOME RELOOKERS

Come hai iniziato?

Un po’ per caso o forse per destino.Ho sempre svolto la libera professione, ma per più di 10 anni ho prestato la mia consulenza ad una importante Azienda di arredamento del vicentino. Forte era il desiderio di mettersi veramente in proprio e la nascita di mia figlia a reso questo voglia ancora più forte per riuscire meglio a conciliare professione e famiglia.
Il destino ha voluto che dopo 16 anni, mi sono ritrovata con Sara, la mia amica del cuore dei tempi del liceo.
Al primo incontro abbiamo scoperto che tutte e due avevamo nel cassetto lo steso ritaglio di giornale che parlava di attività emergenti, tra cui l’Home Relooking. Dopo un mese è nato Fate Home relooker!

Come stai utilizzando le nuove tecnologie per promuoverti?

Il passaparola resta senz’altro il miglior veicolo di pubblicità, per noi. Ma poichè offriamo anche dei pacchetti di relooking che possono essere realizzati on-line, offrendo la nostra professionalità, esperienza e creatività a tutti senza alcun limite dettato dalla distanza, il web è molto importante per promuoverci.
Uno dei nostri primi progetti è stata una casetta in Liguria e uno degli ultimi un appartamento a Palma di Maiorca, sviluppati interamente on-line.

Blog, Facebook, Linkedin, Youtube, Google Adwords, Mailing Marketing ed E-commerce fanno parte degli strumenti che usi per promuovere e far crescere la tua attività?
Oltre al sito istituzionale, e alla pagina FB, abbiamo creato un blog www.homerelooking.it, (facciamo anche parte di un importante network di blogger del settore, gli Home style Blogger) dove trattiamo argomenti inerenti la nostra attività, si parla di interior design, di tendenze, ma soprattutto diamo suggerimenti pratici per rendere più accogliente la propria casa.

fate-hr_relooking corridoio

Hai già avuto esperienze di Export?

Come dicevo il nostro lavoro, grazie al web, non ha confini. Un esperienza l’abbiamo già avuta e chissà che presto non ce ne siano altre.

Credi che esportare all’estero sia un’opportunità per la tua azienda?

In realtà queste attività all’estero sono molto più sviluppate che non qui inItalia. In America l’Home Relooking esiste da decenni e non si vende una casa se non viene prima presa in mano da un Home Stager. Quindi, direi, che per noi c’è molto da fare qui in Italia.

Se ti dico Europa a cosa pensi?

Per noi sicuramente fonte di ispirazione, ricerca, tendenze, moda.

Credi l’Europa possa essere un’opportunità per la tua attività?

Senz’altro.

Fare rete e mettersi in rete per te è importante?

Non è solo importante, è fondamentale, è l’unica chiave di successo di oggi.

Quali credi siano i migliori metodi per collaborare e fare rete fra donne?

Il confronto, lo scambio, l’ascolto. Ho partecipato ad un corso “Donne Creano Impresa: laboratorio di business planning” durante il quale abbiamo proprio sentito forte l’importanza e la necessità di fare rete, tanto che ne è nata un’associazione “Nucleo 21” proprio finalizzata a questo.

Raccontaci brevemente di quando sei riuscita a creare una collaborazione vincente?
Il mio lavoro si basa sulle belle e buone collaborazioni. Per un progetto vincente ci dev’essere collaborazione innanzitutto con il
cliente, ma poi con i nostri fornitori e con i nostri artigiani.

Cosa pensi di aver bisogno per far crescere la tua azienda?

Che si diffonda la cultura per queste nuove attività, far capire ad esempio che un intervento di Home Stager non è una spesa ma un investimento, oltretutto di bassissimo costo. Io, con le Fate, ci stiamo provando.

Qual é stata una delle più grandi difficoltà che hai affrontato?

E’ stata, ed è, il far capire bene di cosa mi occupo, perché è un’attività poco conosciuta. Quando si pensa di rimodernare una stanza subito l’unica soluzione che si palesa davanti è una ristrutturazione totale con costi elevatissimi. Invece non è così.

Come hai superato le difficoltà?

Ci aiuta far riferimento ad alcune trasmissioni televisione di matrice americana che si occupano di questi servizi e che la gente conosce.

Qual è il tuo sogno per il futuro?

Non vedere più occhi persi nel vuoto quando dico di cosa mi occupo! Scherzi a parte, mi auguro di accompagnare il maggior numero di persone a realizzare la loro casa dei sogni, spendendo poco e con un … tocco di magia delle Fate!

Cosa ti piace dell’iniziativa ”Open Day Donna“?

Sicuramente l’opportunità di incontro, di reciproco scambio, di approfondimento.

Credi che si debba continuare a proporre questo tipo di iniziative? Se sì, perché?

Sicuramente sono iniziative molto importati sia per chi deve partire e sia per chi è già sul campo. E’ comunque un momento di interazione costruttiva ma anche un momento per fermarsi a ragionare su quel che si sta facendo e sul come.

Come ci aiuterai concretamente a promuovere questa iniziativa?

Promuovendolo e condividendolo tra le mie conoscenze e sui social.

Perché credi sia bello mettere in rete la tua esperienza?

Perché racconta di come abbiamo voluto provare a trasformare una situazione aversa del mercato (immobiliare in questo caso) in una nuova
opportunità di lavoro. Perché racconta la storia di 3 donne che hanno voluto rimettersi in gioco ancora una volta, lasciando “il certo” per un progetto nuovo, stimolante in cui credono molto.

Fai un invito diretto a tutte le donne che ci stanno leggendo, perchè partecipare all’Open Day Donna 1 Ottobre 2014 al Grand Teatro Geox di Padova?
Non mancare! Sicuramente una grande occasione di incontro se ci sarai anche tu!

Se non ti sei ancora iscritta all’Open Day Donna, iscriviti subito!

Ci vediamo all’ Open Day Donna

 

Articoli consigliati:

Lascia un commento:

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>